You are here

aggregatore notizie RSS

<p>LA MELA NON CADE LONTANO DAL CAV - LUIGI BERLUSCONI PRANZA OGNI GIORNO CON L&rsquo;EX GINEVRA ROSSINI: MA SUA MOGLIE FEDERICA FUMAGALLI LO SA? - L&rsquo;ULTIMO FIGLIO DEL POMPETTA INCONTRA LA SUA STORICA EX FIDANZATA NEL RISERVATISSIMO RISTORANTE DI...

Dagospia - Mar, 22/12/2020 - 12:03
LUIGI BERLUSCONI E FEDERICA FUMAGALLI Alberto Dandolo per www.oggi.it   Luigi Berlusconi, detto Luigino, si è sposato poco più di due mesi fa con Federica Fumagalli. Eppure, continua a incontrarsi con la sua storica ex fidanzata Ginevra Rossini. Come rivela in esclusiva il settimanale Oggi   ginevra rossini IL RISERVATISSIMO RISTORANTE DI MILANO – Luigino Berlusconi, ult...
Categorie: Informazione

Pnrr: difficile confinare la salute in un solo capitolo

Lavoce.info - Mar, 22/12/2020 - 12:00

Solo 9 miliardi per il capitolo “Salute”. Ma il Pnrr contiene altre misure che, se realizzate, possono avere ricadute positive sulla salute dei cittadini. Il Piano, però, dovrebbe definire meglio le strategie sul futuro dei servizi sanitari. 

Le risorse per la salute nel Piano

Qualche settimana dopo la pubblicazione, la discussione sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnnr) per quanto riguarda il capitolo relativo alla “Salute” rimane piuttosto monotona. Il messaggio principale, se non unico, da parte di tutti gli interessati (ministero della Salute e professionisti della sanità inclusi) è che i 9 miliardi indicati dal presidente del Consiglio nella bozza preparata per il Consiglio dei ministri (link) sono troppo pochi per rilanciare la sanità pubblica. Certo, è imbarazzante il confronto con i 68 miliardi di risorse richiesti per la realizzazione della ormai famosa lista di 22 progetti da parte del ministero della Salute. È imbarazzante anche perché denota una totale mancanza di confronto e di coordinamento tra la presidenza del Consiglio (che ha steso la bozza) e il ministero della Salute, che – ragionevolmente – a un certo punto dovrà pure essere coinvolto nella realizzazione di alcuni degli interventi. Poche, invece, le osservazioni sulla questione che dovrebbe essere centrale nel dibattito: cosa prevede davvero il Pnrr per la missione “Salute”, che, a rigore, dovrebbe esplicitare la strategia del governo per migliorare la salute degli italiani.

Le ricadute di altri interventi

Una prima osservazione, importante per quanto banale, è che la missione definita “Salute”, in realtà, riguarda i “Servizi sanitari”, prevedendo investimenti in “Assistenza di prossimità e telemedicina” e “Innovazione, ricerca e digitalizzazione dell’assistenza sanitaria”. Bene chiarirsi le idee sul punto e rimarcare, se ce ne fosse ancora bisogno, che la salute è frutto di molteplici fattori, che vanno dai comportamenti individuali ai determinanti sociali (la povertà e l’emarginazione sociale), fino alla qualità dell’ambiente, incluso quello urbano, e comprendono anche l’accesso ai servizi sanitari, che (se efficaci e appropriati) consentono di migliorarla davvero.

Da questo punto di vista, nel Pnrr compaiono numerose azioni che, pur non rientrando strettamente nella missione “Salute”, possono avere effetti positivi sulla salute; ed è difficile non essere d’accordo con quelle che sembrano essere affermazioni di principio più che veri e propri progetti. Per fare qualche esempio, nell’ambito della componente “Vulnerabilità, inclusione sociale, sport e terzo settore” inclusa nella missione “Parità di genere, coesione sociale e territoriale” si parla di interventi di rigenerazione urbana per contrastare il degrado dei territori. Il successo di una iniziativa simile, garantendo anche la legalità come recita il Pnrr, contribuirebbe a migliorare enormemente la salute di chi vive nelle periferie. Ce la si fa con 5,9 miliardi? Qual è la strategia – o le strategie – per ottenere il risultato?

Ancora, nell’ambito della missione “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, la componente “Transizione energetica e mobilità locale sostenibile” (18,5 miliardi) parla di miglioramento della qualità dell’aria, un tema di sicuro rilievo per la salute. Ovvio che si sia tutti d’accordo, anche perché la pandemia ha picchiato più duro laddove i livelli di inquinamento sono più alti. Ma come ci si arriva?

Quali strategie per ospedali e personale sanitario?

Una seconda osservazione è che – anche per i servizi sanitari – le risorse sono sparpagliate all’interno del Pnrr. Ad esempio, nella missione “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, la componente “Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici” prevede risorse per la ristrutturazione e l’ammodernamento delle strutture ospedaliere. Certamente lodevole, ma resta da capire come fare davvero gli investimenti (e non basta la riforma della giustizia civile, visto che i fondi messi a disposizione nel corso degli anni dall’articolo 20 della legge 67/1988 proprio per il finanziamento degli ammodernamenti del patrimonio sanitario pubblico fanno fatica a essere spesi). E resta da capire quale strategia si pensa di utilizzare per la ristrutturazione del network ospedaliero: si continua a pensare a ospedali moderni in base al decreto ministeriale 70/2015 oppure si cambia, come vorrebbero i difensori dei piccoli presidi territoriali? Sul punto, peraltro, proprio la missione “Salute” sembrerebbe identificare una strategia del governo che non punta ad aumentare la dotazione infrastrutturale di posti letto ospedalieri per acuti: si parla di consolidare e rafforzare la r

The post Pnrr: difficile confinare la salute in un solo capitolo appeared first on Lavoce.info.

Categorie: Informazione

I conti di Coop meno Iper, più vicinato

Corriere.it - Economia - Mar, 22/12/2020 - 11:58
Coop Lombardia prevede di non aprire più Ipermercati, puntare sui Coop drive che passano da 6 a 18 punti di ritiro dove quest’anno c’è stato un raddoppio degli scontrini rispetto alla spesa tradizionale. Fatturato superiore del 4% rispetto al 2019
Categorie: Informazione

<p><strong>L&rsquo;AFFARE S&rsquo;INGROSSA - L&rsquo;EX FIDANZATA DI ALBERTO GENOVESE INDAGATA PER CONCORSO IN VIOLENZA SESSUALE A IBIZA - SECONDO LA VITTIMA, L&rsquo;IMPRENDITORE E LA VENTENNE LA INVITARONO AD ANDARE IN CAMERA PER FARE UN&#39;ALTRA...

Dagospia - Mar, 22/12/2020 - 11:57
Da www.ilmattino.it   sarah borruso alberto genovese L'ex fidanzata di Alberto Genovese, l'imprenditore del web finito in carcere il 6 novembre per aver stordito con un mix di droghe e stuprato una 18enne nel corso di un festino, è stata interrogata oggi in Procura a Milano. La ventenne, indagata per concorso in violenza sessuale a seguito della denuncia di un'altra ragazza che avr...
Categorie: Informazione

Governo, Salvini: "Tantissimi parlamentari non ne possono più"  

Adnkronos - Politica - Mar, 22/12/2020 - 11:54
Il leader della Lega parla all'Adnkronos  
Categorie: Agenzie

Covid, i dati Inail: oltre 100.000 contagi sul lavoro, 366 morti

Corriere.it - Economia - Mar, 22/12/2020 - 11:51
Oltre il 50% delle denunce contagi al lavoro nel Nord-Ovest. Con la seconda ondata impatto più forte sui lavoratori
Categorie: Informazione

<p>RICORDATE LA RICCA MOGLIE DI UN BANCHIERE DELL&rsquo;AZERBAIGIAN FERMATA DOPO LE SPESE FOLLI DA HARRODS? LA 57ENNE SPERAVA DI POTER SPENDERE I SOLDI DI DUBBIA PROVENIENZA A LONDRA, CONSIDERATA ZONA FRANCA PER CAPITALI ESTERI NON SEMPRE PULITI. E...

Dagospia - Mar, 22/12/2020 - 11:47
Paola De Carolis per il “Corriere della Sera”   zamira hajiyeva 3 La sentenza della Corte suprema di Londra si rivelerà un regalo poco gradito, proprio nei giorni sotto Natale, per Zamira Hajiyeva, 57 anni, moglie di un ex banchiere dell'Azerbaigian, che per via di spese folli da Harrods e di investimenti plurimilionari sul mercato immobiliare è incappata nei controlli delle autorit...
Categorie: Informazione

Pagine

Subscribe to Associazione Radicali Friulani aggregatore