You are here

DEPERU: SAN QUIRINO E GENDER, USO PROPAGANDISTICO DELLE ISTITUZIONI, IGNORANZA E MALAFEDE

Data: 
Domenica, 20 December, 2015
Testo: 

La cosa assurda è che si presentino - e si votino - odg su temi inesistenti spacciandoli per allarmi sociali e pretendendo di condizionare l'autonomia degli organi democratici scolastici.
A San Quirino si era arrivati a proporre la "segnalazione degli insegnanti", emendamento fortunatamente ritirato, e si voleva "convocare" il Consiglio d'Istituto presso il Comune, poi modificato in "informare"...
Umiliante uso propagandistico delle istituzioni pubbliche: preoccupa sapere di poter essere governati da simili ignoranti in malafede.
Altrove, il sindaco di Brugnera si è pubblicamente vantato di aver minacciato la dirigente scolastica locale al fine di impedirgli l'inserimento della "teoria del gender", impossibile da inserire dato che non esiste: il tutto al solo scopo di censurare il piano dell'offerta formativa (POF) in modo da escludere il Progetto Speciale Regionale di Arcigay... (Che ricordo essere nato grazie ad un finanziamento della giunta Tondo e patrocinato anche dal Comune di Trieste dell'allora giunta Dipiazza).
Senza dimenticare dichiarazioni "cerebroleghiste" di consiglieri comunali pordenonesi che insinuano che dietro ai nostri progetti possa nascondersi la volontà di inserire "l'induzione alla masturbazione infantile, come già accaduto altrove"... (Ma altrove dove??? Ma quando mai?! Ma di che cavolo parla??? Dica piuttosto dove, faccia i nomi almeno si becca una denuncia per diffamazione, codardo...)
Questa è la feccia che pretenderebbe di candidarsi a governare Pordenone: dove è finito il pensiero liberale che dovrebbe animare un centrodestra serio? Davvero i moderati del centrodestra si lasciano ridicolizzare da simili pagliacciate estremiste?

Autore: 
Giacomo Deperu
Fonte: 
Pagina facebook di Giacomo Deperu
Stampa e regime: 
Notizie dai consigli comunali: 
Condividi/salva