You are here

Impianto biogas, i dati Arpa in Procura

Data: 
Mercoledì, 16 December, 2015
Testo: 

Il consigliere Santarossa: «Inviati gli esiti delle analisi dei fumi». L’azienda: «Limiti di legge rispettati secondo i controlli»

«Dopo avere costretto il Comune di San Quirino a chiedere all’Arpa di effettuare i controlli, apprendo che i dati delle analisi dei fumi dell’impianto biogas di San Foca da Arpa Emilia Romagna sono stati trasmessi alla Procura». Così, ieri sul suo profilo facebook, Stefano Santarossa, consigliere di minoranza per San Quirino Cambia ed esponente del Partito radicale, ha dato notizia dell’epilogo di quella che è stata nell’ultimo anno una sua “battaglia” personale: ovvero investire Arpa dei controlli al fine di dimostrare che «tutto l’iter autorizzativo dell’impianto privato di San Foca è stato possibile per una mancanza di controlli adeguati».
Ma dall’azienda di via Partidor, contattata dal Messaggero Veneto, sono arrivate le precisazioni, che ribaltano le conclusioni di Santarossa. «L’azienda è informata dei controlli effettuati da Arpa Emilia Romagna – ha spiegato Corrado Lisetto, dipendente della Sito Energy –: gli esiti degli stessi rispettano i limiti di legge. La Procura ha chiesto ad Arpa l’invio dei risultati delle analisi, ma ciò solo per integrare il fascicolo che da tempo è già aperto sull’attività dell’azienda grazie a segnalazioni come quelle del consigliere comunale. Tuttavia ad oggi non risulta siano stati mai trovati elementi che vanno a svantaggio della stessa azienda». L’invio da parte di Arpa alla Procura dei dati sarebbe quindi un atto dovuto, sul quale Santarossa però ravvisa l’ipotesi che ci possano essere «valori da approfondire in altre sedi». A gennaio, in consiglio comunale, il consigliere aveva formalizzato la richiesta al sindaco Corrado Della Mattia, che fosse il Comune ad incaricare l’Arpa Fvg di procedere con le verifiche. La richiesta era stata quindi inoltrata dall’ente ad Arpa Fvg ad aprile, su sollecitazione dello stesso Santarossa, e da qui era passata in mano ad Arpa Emilia Romagna, che ha effettuato i controlli lo scorso settembre. I risultati dei quali tuttavia non sono mai stati comunicati al Comune. Per questo Santarossa a novembre ha inviato al sindaco un’interrogazione a risposta scritta per conoscere «gli esiti di tali analisi e il motivo per cui i dati non siano stati ancora diffusi allo scrivente». Questo sabato Della Mattia, in consiglio comunale, consegnerà a mano al consigliere la sua risposta, che ieri gli ha anticipato al telefono. «L’Arpa – ha riferito poi Santarossa -: non può fornire i dati al Comune perché sono stati trasmessi alla Procura». «L’azienda – rimarca ancora una volta Lisetto – è in regola con gli autocontrolli obbligatori annuali dell’emissione di fumi: l’ultimo effettuato risale ad agosto». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore: 
Milena Bidinost
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Notizie dai consigli comunali: 
Condividi/salva