You are here

La Vigilanza Rai convochi Pannella in sciopero della fame

Data: 
Giovedì, 20 June, 2013
Testo: 

Il servizio pubblico deve assicurare ai 12 quesiti referedenari (su divorzio breve, immigrazione, droga, finanziamento pubblico, 8 per mille e giustizia) la dovuta copertura informativa
Da alcuni giorni Marco Pannella sta portando avanti uno sciopero della fame e della sete anche per ottenere che vi sia informazione sulla raccolta di firme su 12 quesiti referendari su divorzio breve, immigrazione, droga, finanziamento pubblico, 8 per mille e giustizia.
Si tratta di una scelta consapevole ma estrema che sta mettendo a dura prova le sue condizioni fisiche, come confermato anche in un bollettino medico in cui si sottolinea che a breve si renderà necessario un suo ricovero in ospedale. Per la natura specifica del suo mandato e per le competenze della commissione, ritengo sia opportuno, anzi direi necessario, che la Vigilanza Rai si impegni ad invitare in audizione Marco Pannella.
Il referendum è uno strumento di esercizio diretto della sovranità popolare, un istituto fondamentale della nostra Democrazia e dunque, come tale, va tutelato dalla politica e dalle istituzioni. Anche per questo credo sia necessario che la commissione di vigilanza Rai si impegni, per quello che le compete, ad assicurare che a questa campagna referendaria venga garantito dal servizio pubblico un adeguato spazio informativo.
È giusto e democratico che i cittadini siano informati, poi saranno i cittadini stessi a scegliere o meno se firmare; ma è una democrazia compiuta quella che assicura una scelta consapevole.

Autore: 
ROBERTO GIACHETTI
Fonte: 
EUROPA
Stampa e regime: 
Condividi/salva