You are here

Regione, Sel punta su due avvocati. Si tratta di Marzia Pauluzzi e Marco Vizintin. La priorità? Il lavoro

Data: 
Lunedì, 25 March, 2013
Testo: 

Anche Sel scende in campo con i suoi candidati in vista delle elezioni regionali. «Mi auguro che potremo andare in Regione, e lavorare soprattutto su punti fondamentali come lavoro e sanità, sui quali continueremo a vigilare anche da Gorizia», ha detto durante la presentazione il consigliere comunale Livio Bianchini, presente assieme al segretario goriziano Paolo Del Ponte. I candidati goriziani sono Marzia Pauluzzi e Paolo Vizintin. Quarantadue anni, avvocato, e da anni molto attiva nell'associazionismo a carattere sociale e politico, Marzia Paoluzzi porterebbe in Regione soprattutto lavoro su «trasparenza assoluta della spesa pubblic», e «revisione del sistema dei finanziamenti e dei contributi regionali». Ma non solo. Uno dei suoi slogan è «meno chiesa, più impresa». «Il perchè è presto detto – spiega lei -. Tanto per fare un esempio, nell'attuale bilancio regionale per il triennio 2013-2015 il presidente Tondo ha deciso di investire ben 56 milioni di euro per gli edifici di culto, e nulla invece nello sviluppo della banda larga, che è uno dei presupposti per la crescita del territorio». Il tutto senza perdere d'occhio l'apertura internazionale, a Slovenia e Croazia, piuttosto che sposare la linea leghista della macroregione del nord con Lombardia e Veneto. Avvocato è anche il 47enne Paolo Vizintin, dal 2004 sindaco di Doberdò del Lago. Per Vizintin tra le maggiori colpe della gestione Tondo c'è stata quella di sprecare soldi in opere faraoniche ed inutili, che hanno incrementato un debito pubblico che «con Tondo ha raggiunto 1.657 milioni di euro, un livello mai visto nella storia della nostra regione, fra i peggiori d’Italia – dice Vizintin -. Debito che ora saranno chiamati a pagare tutti i cittadini della regione ed i comuni virtuosi, con sacrifici enormi». «Bisogna mettere al centro dell’attenzione il lavoro, l’ambiente, la famiglia ed i giovani, ai quali bisogna ridare speranza per il futuro».

Autore: 
Marco Bisiach
Fonte: 
Il Piccolo - Gorizia
Stampa e regime: 
Condividi/salva