You are here

Procreazione assistita, Illy dice no al referendum

Testo: 

TRIESTE. Pochi consiglieri regionali firmano l'appello dei radicali per il referendum contro la legge sulla procreazione assistita. Tra loro non c'è il presidente Illy, che non avrebbe condiviso la scelta della consultazione popolare.
Pilotata da Fortuna Drossi nei "passi perduti", fuori dell'aula, la radicale Cristina Sponza ha chiesto un'adesione che però è stata fornita solamente da Colussi e Poropat, dei Cpp, dall'assessore Rc Antonaz e dal capogruppo Canciani, dalla Battellino (Ipr) e da Metz (Verdi). «Non li abbiamo contattati tutti, ovviamente, ma rifiuti ne abbiamo avuti. Per esempio il gruppo ds ha detto no. Anche il presidente Illy, richiesto di un'adesione attraverso il portavoce Baiguera, non ha firmato. Il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, invece, lo ha fatto», racconta la Sponza.

Data: 
Giovedì, 7 October, 2004
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Regione
Stampa e regime: 
Condividi/salva