You are here

EUROPARLAMENTARI RADICALI: "NON SI CANCELLINO DIRITTI DEI GAY"

Testo: 

Contestano un gruppo di deputati italiani che ha depositato al Parlamento Europeo emendamenti volti a sopprimere dal rapporto sui diritti umani i paragrafi che trattano dei diritti dei gay

Non si cancellino i diritti dei gay dal rapporto sui diritti umani della Ue. A chiederlo i radicali,Maurizio Turco, capogruppo a Strasburgo, e Ottavio Marzocchi,che contestano un gruppo di eurodeputati italiani che ha depositato al Parlamento europeo una serie di emendamenti volti a sopprimere dal rapporto sui diritti umani nell'Ue i paragrafi che trattano dei diritti dei gay.
Tra i firmatari degli emendamenti compaiono per Forza Italia Marcello Dell'Utri, Renato Brunetta, Antonio Tajani e Jas Gawronski; per la Lega Mario Borghezio e Francesco Speroni; per l'Udc Raffaele Lombardo; per il Ppi Ciriaco De Mita; per la Margherita Giovanni Procacci, per An Roberta Angelilli e Sebastiano Musumeci.
Gli emendamenti 45 e 47 in particolare, fanno notare i radicali, "mirano a cancellare interamente i paragrafi 81 e 85 del rapporto approvato dalla commissione liberta' e diritti dei cittadini del Parlamento europeo. Il Parlamento europeo al paragrafo 81 "ribadisce la propria richiesta agli Stati membri di abolire qualsiasi forma di discriminazione, legislativa o de facto, di cui siano ancora vittime gli omosessuali, in particolare in materia di diritto al matrimonio e all'adozione", mentre al paragrafo 85, osservano ancora i radicali, "raccomanda agli Stati membri di riconoscere, in generale, i rapporti non coniugali fra persone sia di sesso diverso che dello stesso sesso, conferendo gli stessi diritti riconosciuti ai rapporti coniugali, oltretutto adottando le disposizioni necessarie per consentire alle coppie di esercitare il diritto alla libera circolazione nell'Unione".
"Ci auguriamo - affermano Turco e Marzocchi - che, nell'eseguire fedelmente i dettami anti-gay del Vaticano e depositando tali emendamenti, gli eurodeputati si siano guadagnati almeno il paradiso. I deputati radicali assicureranno il loro voto contrario agli emendamenti soppressivi e voteranno a favore dei paragrafi che chiedono la fine delle discriminazioni dei gay nell'Ue, l'unione civile e il matrimonio anche per le persone dello stesso sesso, l'adozione".

Data: 
Martedì, 2 September, 2003
Autore: 
Fonte: 
WWW.GAYNEWS.IT
Stampa e regime: 
Condividi/salva