You are here

MAREMOTO: RADICALI, MA QUANTE LE VITTIME IN BIRMANIA?

Data: 
Mercoledì, 29 December, 2004
Testo: 

(AGI) - Roma, 29 dic. - Il Myanmar, l'ex-Birmania, paese asiatico nell'area di influenza del maremoto sta di fatto nascondendo la realta' del paese alla comunita' internazionale.
Lo denuncia il segretario di Radicali italiani, Daniele Capezzone, che rileva: "Di fronte a una delle tragedie piu' gravi della storia recente, c'e' un aspetto che deve essere sottolineato e denunciato. Nella ex-Birmania, che e' posta nelle immediate vicinanze dell'epicentro del sisma, il regime dittatoriale-militare di Yangon dichiara poche decine di morti, quando di tutta evidenza a quel dato mancano almeno due zeri.
Nelle vicine Andamane e nella confinante Thailandia i morti sono migliaia e, spesso, decine di migliaia. Non un'immagine, non una dichiarazione trapela da quel paese che ha migliaia di chilometri di coste e centinaia di isole. Tutto questo ha e avra' semplicemente l'effetto di non considerare la Birmania tra i paesi colpiti se e' vero come e' vero che nessun aiuto umanitario e' diretto verso quelle zone. Siamo di fronte alla tragedia nella tragedia: morti che non hanno nemmeno l'onore delle cronache e popolazioni che ora, oltre a vedere tutti i giorni i propri diritti elementari calpestati, dai loro villaggi rasi al suolo non possono nemmeno reclamare gli aiuti internazionali".

Autore: 
Fonte: 
AGI
Stampa e regime: 
Condividi/salva