You are here

La Rosa nel Pugno ispeziona il carcere dopo l’indulto. Il segretario della Camera oggi in città

Testo: 

Il segretario della Camera dei deputati, onorevole Sergio D’Elia (Rosa nel Pugno) visiterà questa mattina i detenuti del carcere di Pordenone e successivamente, con il segretario dei Radicali friulani, Stefano Santarossa, Elisabetta Zamparutti, della direzione nazionale della Rnp e l’avvocato Fausto Tomasello, terrà una conferenza stampa al Caffé Nuovo. Oggetto del dibattito sarà la situazione dei penitenziari italiani dopo l’approvazione del provvedimento d’indulto che ha permesso, nel caso di Pordenone, l’uscita dalla casa circondariale di 17 detenuti su un’ottantina.
Che le condizioni del carcere cittadino non siano le migliori non è una novità: è stato ribadito molte volte, nel corso degli anni, da tutti coloro che l’hanno visitato, compreso l’ex ministro della Giustizia, Roberto Castelli. Ma la nuova casa circondariale – che dovrebbe sorgere in Comina – è ancora molto lontana. Proprio in questi giorni, infatti, è atteso il pronunciamento del nuovo ministro della Giustizia, Clemente Mastella, sulla bocciatura della gara d’appalto che aveva assegnato i lavori, per violazioni delle procedure comunitarie.
La decisione d’infrazione della Commissione europea è stata notificata alla presidenza del Consiglio dei ministri, ai dicasteri degli Affari esteri e della Giustizia e all’amministrazione comunale: si tratta di un parere motivato (42 punti e 9 pagine) con il quale si contestano le modalità della gara d’appalto europea per l’assegnazione in leasing dei lavori. L’organismo contesta il fatto che il bando abbia riguardato solo le società finanziarie e non le imprese costruttrici. Sembra ormai pressoché scontato che il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del ministero della Giustizia decida di rifare la gara, cancellando la procedura seguita e, probabilmente, abbandonando il criterio dell’appalto in leasing. Riaprendo interrogativi sui finanziamenti.

Data: 
Lunedì, 28 August, 2006
Autore: 
(e.l.)
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva