You are here

San Quirino. Rivisto il progetto della piazza

Testo: 

Demolito l’ex municipio il bar Del Piero. L’area sarà armonizzata col resto del centro
La Sovrintendenza pone dei “paletti” per alcuni edifici storici

Il primo cittadino: «Piano più contenuto ma di grande pregio»

SAN QUIRINO. Probabilmente ci vorrà un po’ più di tempo, ma la seconda parte di piazza Roma, a San Quirino, sarà riqualificata.
La Sovrintendenza aveva bocciato il progetto di riassestamento presentato dal Comune perché, in base alla legge Urbani del 2005, nelle piazze non si può modificare il disegno complessivo. Il progetto, invece, modificava la schiera dei fabbricati che s’affacciano sul centro e prevedeva la demolizione del bar Del Piero e del municipio e la loro ricostruzione arretrata di 20 metri; oltre a ciò, si intendeva ricostruire gli edifici di via Mason con nuovi volumi, ovvero più alti e più larghi. Il no della Sovrintendenza ha riguardato questi due punti: anzitutto, i fabbricati di via Mason non possono essere demoliti e ricostruiti diversamente, in quanto costituiscono la memoria storica del centro urbano; inoltre, gli edifici devono essere ricostruiti sullo stesso punto in cui sorgono, pertanto municipio e bar non possono essere arretrati.
In pratica, l’indicazione è una: non stravolgere l’assetto del centro. Contrariamente a quanto suggerito dal predecessore Giuseppe Bressa, il sindaco, Corrado Della Mattia non ha avviato un’azione di rivalsa nei confronti della Sovrintendenza, ma si è giunti un accordo tra le parti. «Abbiamo aperto la strada alla trattativa – ha spiegato Della Mattia – Il nuovo piano prevede l’abbattimento del municipio e del bar, in quanto considerati di scarso valore architettonico dalla Sovrintendenza, e la loro ricostruzione. Il risultato finale sarà quello di una piazza più contenuta che manterrà la sua immagine attuale, senza per questo venir meno a un risultato di pregio per la comunità».
I tempi di realizzazione probabilmente slitteranno, perché ora sarà indispensabile modificare il piano di recupero e riadattarlo, quindi portarlo in consiglio e attendere il tempo tecnico per eventuali osservazioni. «Aver trovato un accordo con la Sovrintendenza – ha sottolineato il sindaco – ci consente di risparmiare ulteriore tempo e denaro rispetto a un’azione di rivalsa». In questo modo, saranno armonizzate la parte nord della piazza, dove si trovano chiesa, canonica e banca, e quella sud. Il tutto si completerà attraverso la realizzazione di un passaggio tra le due parti e la costruzione di un “campiello” pedonale d’accesso ai negozi.

Data: 
Sabato, 19 January, 2008
Autore: 
(l.v.)
Fonte: 
IL GAZZETTINO - Pordenone
Stampa e regime: 
Notizie dai consigli comunali: 
Condividi/salva