You are here

Droga, arrestato ex candidato sindaco

Data: 
Giovedì, 7 August, 2003
Testo: 

I carabinieri di Tolmezzo l'hanno sorpreso mentre innaffiava le 22 piantine in un terreno demaniale
Stefano Barazzutti coltivava marijuana a Pieve di Caneva

ARTA. Stefano Barazzutti, il leader del partito radicale in Carnia ed ex candidato a sindaco nel comune di Arta Terme, coltivava marijuana sulle alture di Caneva. Sorpreso dagli agenti del locale commissariato mentre innaffiava le piantine è stato arresto e accompagnato nel carcere di Tolmezzo. Allertati dagli addetti alla vigilanza ambientale, i poliziotti si sono appostati nei cespugli e hanno atteso l'arrivo di Barazzutti giunto sul posto martedì, intorno alle 19.50.
A notare le piante di marijuana, come accennato, sono stati gli addetti alla vigilanza ambientale nel corso dei normali controlli che effettuano in zona montana. Gli agenti sono rimasti sorpresi dal fatto che la siccità non aveva fatto sentire i suoi effetti nel terreno dove crescevano le piante. La terra, infatti, era umida e gli arbusti ai loro occhi si presentavano perfettamente curate. Un dettaglio importante per i poliziotti che hanno deciso di posizionarsi dietro i cespugli antistante per sorprendere l'ignoto coltivatore di marijuana.
Martedì sera è scattato l'appostamento. Intorno alle 19.50 Stefano Barazzutti, 35 anni, è arrivato puntualmente in località Pieve di Caneva con lo zaino in spalla con dentro una tanica contenente quindici litri d'acqua.
L'uomo dapprima ha verificato lo stato di salute delle piante e poi ha estratto la tanica e ha iniziato a innaffiarle. A quel punto gli uomini delle forze dell'ordine non hanno nutrito alcun dubbio sulla proprietà della "piantagione", sono usciti allo scoperto e hanno arrestato il giovane.
Accompagnato nel carcere del capoluogo carnico, Stefano Barazzutti è in attesa di conoscere la decisione del giudice per le indagini preliminari al quale oggi toccherà decidere se convalidare o meno l'arresto.
Da quanto si è appreso Stefano Barazzutti, aveva piantato ventidue piantine di marijuana che coltivava con cura da diverso tempo. Fino ad arrivare a raggiungere le alture di Tolmezzo a cadenza quasi quotidiana.
In commissariato ritengono che il terreno dove sono cresciute le piante sia demaniale in ogni caso per accertare la proprietà dell'appezzamento sono in corso ulteriori verifiche.
Stefano Barazzutti, lo scorso anno, si era candidato a sindaco nel comune di Arta Terme con la lista "Cresce Arta-lista antiproibizionista". Il giovane, in Carnia, è conosciuto per la sua militanza nelle file del partito radicale. Barazzutti ha partecipato a diversi dibattiti sull'uso delle droghe leggere anche tra i giovani.
Nessuno si aspettava, però, che dalla teoria passasse alla coltivazione di marijuana sulle alture di Tolmezzo. (g.p.)

Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Udine
Stampa e regime: 
Condividi/salva